Hamlet (1996)

Grandiosa trasposizione della tragedia shakespeariana in cui tutto è maestoso e colossale, quasi come l’ego del regista. Fastose l’ambientazione e la scenografia, barocca, luccicante, già di per sé imponente, ma ancor più aumentata dalla presenza di specchi che ne moltiplicano luce e profondità; enorme il numero delle comparse, che rendono la scena del matrimonio tra i due amanti monumentale, più adatta all’incoronazione di un imperatore che alle nozze di una regina, vedova da poco; incredibile la serie di grandissimi attori, scelti anche per i ruoli minori, tra cui Billy Crystal nella parte del becchino, Robin Williams in quella di Osric, Rufus Sewell per Fortebraccio e persino comparse di gran lusso come Lemmon, Depardieu, Charlton Heston, Timothy Spall, Sir Gielgud e Judi Dench.

Straordinaria anche la durata, 4 ore, per l’allestimento integrale dell’opera, in cui il testo di Shakespeare è riportato fedelmente, fino all’ultima sillaba. E la meraviglia è che si guarda senza stancarsi, senza un attimo di noia o un minimo calo di attenzione. La storia è ambientata da Branagh nell’800, in uno sfarzoso palazzo imperiale, arredato e decorato con un gusto ridondante che accresce la grandiosità del film, e i costumi altrettanto sontuosi completano la cornice di questo spettacolo superbo.

Branagh è un Amleto classico, con tanto di abito nero e capello biondo, ma nella regia si prende qualche libertà, e utilizzando lo strumento tipicamente cinematografico del flashback, ci mostra scene che in realtà mancano nel testo: così, ad esempio, assistiamo direttamente all’omicidio del re mentre viene narrato dal fantasma, possiamo vedere la romantica figura di Yorick nei ricordi di Amleto e siamo testimoni della passione sensuale tra Amleto e Ofelia, che Branagh decide di esibire esplicitamente, mentre nel testo originale era solo suggerita dalle parole.

E’ un Amleto statuario, che vive la sua vendetta quasi come un eroe della tragedia greca, ma si lascia prendere la mano dallo slancio finendo per diventare un po’ troppo istrionico, al punto da mettere spesso in ombra i pur bravissimi comprimari, Jacobi, Christie e Winslet eccezionali. Superfluo dire che sono tutti straordinari, al punto che il film, pur eccessivamente lungo, scorre come un fiume in piena e ipnotizza lo spettatore, senza momenti di stanchezza o di distrazione, senza pause di emozione.

Nella scena del duello con Laerte sembra quasi che le comparse, anche qui numerose, facciano da pubblico all’esibizione del protagonista, che trasforma quello che avrebbe dovuto essere un irruento ma dignitoso duello ottocentesco, in una performance degna di Fairbanks, con inseguimenti e assalti di spada sulle scale, una spettacolare discesa appeso ad una corda, e persino il lancio finale della spada con cui infilza lo zio assassino, seduto sul trono che ha usurpato.

Per non parlare della scena conclusiva: Amleto è ormai defunto, ma riesce ad essere ancora protagonista assoluto, prima portato via a braccia in una posa che ricorda la crocifissione, poi composto nella bara, al centro di un’inquadratura ancora una volta grandiosa, dove allo sfavillio dell’oro si sostituisce il nero assoluto della bara e degli astanti, che contrasta drammaticamente con il bianco della neve.

Ogni immagine trasuda fastosità, ed è indubbiamente il risultato della smisurata ambizione del regista; ma l’ambizione a volte può essere positiva, e portare a risultati altrimenti irraggiungibili. Branagh realizza un film spettacolare e, al di là delle sue manie di grandezza, è indiscutibilmente bravissimo.
O si ama o si odia, ma non lascia indifferenti.

24 pensieri riguardo “Hamlet (1996)

  1. Confesso di averlo visto una volta sola, e se non vado errato era la versione “compressa”. Dici bene, l’ego di Branagh è contenuto a stento dalla sontuosa esecuzione, forse troppo sfarzosa e ricca, così ricca che ben presto anestetizza l’occhio e non colpisce più. A malapena ho notato ci fossero altri attori sullo sfondo…
    Per quanto sia una grandiosa messa in scena, onestamente preferisco di gran lunga “Nel bel mezzo di un gelido inverno” (1995), quando cioè Branagh si fa minimalista, si limita alla regia e affida all’amico Michael Maloney (che qui fa Laerte e in “Othello” faceva Rordigo) il compito di interpretare un regista visionario che vuole mettere in scena l’Amleto senza soldi e con un gruppo di attori sgangherati, dimostrando a tutti che il testo del Grande Bardo non è un’ammuffita opera cinquecentesca ma perfetta simbologia della vita di tutti. In quel minuscolo film, che per fortuna Tele+ ha doppiato in esclusiva e mai più ritrasmesso, c’è molto più Amleto che in questo esageratissimo Hamlet.

    Piace a 1 persona

      1. Trasmesso all’epoca da Tele+, il film non sembra aver avuto alcuna replica, quindi lo trovi solo in una vecchia VHS Penta Video da comprare su eBay! Io ho ancora quella trasmissione Tele+1 registrara, e per fortuna i Santi Pirati – gli unici veri salvatori del cinema in lingua italiana – fanno girare proprio quell’edizione ^_^

        "Mi piace"

    1. Credo che se Branagh avesse potuto, avrebbe interpretato lui tutti i personaggi…
      Me lo ricordo Nel bel mezzo di un gelido inverno, visto anch’io su Tele+, poi mai più visto, neanche su altre tv. Non so dove finiscano questi piccoli gioielli…

      Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...