Angeli con la pistola (1961)

Ultimo film di Frank Capra, canto del cigno del re dell’ottimismo e del lieto fine. Un classico del cinema che fonde con eleganza dramma e commedia, raccontando ancora una volta l’America stravolta dalla Grande Depressione, come solo Capra sapeva fare. Certo non siamo ai livelli de La vita è meravigliosa, altro classico natalizio, ma anche Angeli con la pistola, possiede un risvolto poetico di fondo che traspare dietro all’ironia della commedia. Il film regala quindi allo spettatore occasioni di commozione profonda, unite a lampi geniali di autentico umorismo, il tutto confezionato con abbondanza di buoni sentimenti.

Continua a leggere “Angeli con la pistola (1961)”

Che fine ha fatto Baby Jane? (1962)

Questo capolavoro ha rivoluzionato completamente il concetto di terrore cinematografico, che fino ad allora era stato quasi sempre legato allo straordinario o al soprannaturale, e comunque al delirio fantastico. Nel film di Aldrich, invece, la suspense è prodotta da banali scontri tra due sorelle, entrambe dotate di una capacità infinita di ferirsi a vicenda, con una grottesca esuberanza femminile. Tuttavia il tema principale del film, rivelato anche dal titolo, non è tanto la rivalità tra le due sorelle, che pure riempie pesantemente lo schermo per tutta la durata del film, ma piuttosto la messa sotto accusa dell’industria dello spettacolo come fabbrica di sogni, che purtroppo sono spesso destinati a diventare amare delusioni.

Continua a leggere “Che fine ha fatto Baby Jane? (1962)”

Piano… piano, dolce Carlotta (1964)

Doveva essere il seguito di Che fine ha fatto Baby Jane?, ma Bette Davis si rifiutò di recitare di nuovo accanto all’eterna rivale Joan Crawford, e il regista fu costretto a scrivere una nuova sceneggiatura e cercare un’attrice che potesse andare d’accordo con la Davis. Il risultato è un riuscito giallo d’atmosfera, con attori di grande spessore, che tiene letteralmente incollati alla sedia, dall’inizio alla fine. Anche questo film rientra nella categoria di quel favoloso bianco e nero che creava emozioni e suggestioni solo con la luce e con le ombre, dove il sangue, anche se non era rosso, spiccava sul candore di un abito bianco, creando un risultato ad effetto.

Continua a leggere “Piano… piano, dolce Carlotta (1964)”

Assassinio sul Nilo (1978)

Il film segna il debutto del versatile Peter Ustinov nei panni di uno dei detective piĂą amati di Agatha Christie, che interpreterĂ  un’altra volta per il cinema, in Delitto sotto il sole, e ben tre volte per la televisione. Poirot è un detective molto particolare e le sue indagini sono sempre fuori dall’ordinario: mentre Miss Marple di solito è occupata a risolvere omicidi in piccoli villaggi inglesi, ordinati e apparentemente molto tranquilli, anzi, quasi noiosi, a Poirot toccano generalmente luoghi piĂą esotici, in questo caso la terra del Nilo. Questo dĂ  l’opportunitĂ  di inserire bellissime immagini dell’Egitto e dei suoi angoli piĂą intriganti, che vengono ampiamente utilizzati per creare un’atmosfera affascinante e misteriosa. Tuttavia, il regno dei faraoni fa solo da sfondo alla trama vera e propria.

Continua a leggere “Assassinio sul Nilo (1978)”

Eva contro Eva (1950)

Il mondo dello spettacolo, nella fattispecie il teatro, visto da dietro le quinte, per svelare cosa si nasconde dietro il successo e mettere a nudo le lotte, le rivalità, le amarezze e le astuzie di chi vuole arrivare a qualunque costo. Un film squisitamente femminile che si addentra nei meandri della competizione più spietata, nascosta dietro le luci dei riflettori. Il titolo non è un caso: si rifà chiaramente al nome di una delle protagoniste, ma allude in generale ad uno scontro tra donne.

Continua a leggere “Eva contro Eva (1950)”