Belli e dannati (1991)

I film di Gus Van Sant hanno spesso un’aura inconsueta che li rende suggestivi e particolari, nel bene o nel male, ma che difficilmente lascia indifferenti. In questo road movie, ad esempio, le immagini di lunghe strade e skyline che si estendono sull’orizzonte, nuvole in rapido movimento, riprese surreali e simboliche di case e fiumi impetuosi, conferiscono al film uno strano fascino quasi sovrannaturale, che si intervalla al crudo realismo della vita per le strade di Portland, raccontata in tutto il suo squallore. In più c’è un incipit originalissimo e molto ironico, e un riferimento neanche troppo velato all’Enrico IV di Shakespeare. È una miscela di stili affascinante e di grande impatto, che riesce a trasmettere in modo efficace il tema centrale della ricerca dell’amore, e del bisogno di appartenenza.

Continua a leggere “Belli e dannati (1991)”

Un sogno per domani (2000)

Forse qualcuno ricorderà questo film semplice ma profondo, che con le sembianze di una favola moderna propone una morale significativa ed efficace. E’ un film di speranza, di facile lettura, anche se con qualche concessione di troppo al sentimentalismo, e un finale che lascia un po’ perplessi.

Continua a leggere “Un sogno per domani (2000)”