Nel bel mezzo di un gelido inverno (1995)

Un piccolo gioiello, questo film di Branagh, purtroppo scomparso dagli schermi dopo una breve apparizione sulla tv satellitare ai tempi di Telepiù. E come di altri film molto validi, non esiste nemmeno la versione in DVD. Ma se avete la fortuna di imbattervi nella sua programmazione, magari a tarda notte su qualche canale del digitale terrestre, non perdetelo, soprattutto se amate Shakespeare e il teatro.
Sulla falsariga di Rumori fuori scena, anche questo film porta il teatro sullo schermo, ed è il teatro per antonomasia, quello che batte nel cuore di ogni aspirante attore degno di questo nome.

Continua a leggere “Nel bel mezzo di un gelido inverno (1995)”

Hamlet (1996)

Grandiosa trasposizione della tragedia shakespeariana in cui tutto è maestoso e colossale, quasi come l’ego del regista. Fastose l’ambientazione e la scenografia, barocca, luccicante, già di per sé imponente, ma ancor più aumentata dalla presenza di specchi che ne moltiplicano luce e profondità; enorme il numero delle comparse, che rendono la scena del matrimonio tra i due amanti monumentale, più adatta all’incoronazione di un imperatore che alle nozze di una regina, vedova da poco; incredibile la serie di grandissimi attori, scelti anche per i ruoli minori, tra cui Billy Crystal nella parte del becchino, Robin Williams in quella di Osric, Rufus Sewell per Fortebraccio e persino comparse di gran lusso come Lemmon, Depardieu, Charlton Heston, Timothy Spall, Sir Gielgud e Judi Dench.

Continua a leggere “Hamlet (1996)”

Othello (1995)

Otello è una delle tragedie di Shakespeare che amo di più, per la carica emozionale dei personaggi, così ben delineati nei difetti come nelle virtù, incastonati nella trama in modo da avere ognuno un proprio ruolo ben preciso, tanto tragico quanto ineluttabile, e così profondamente umano. Questa versione cinematografica mostra rispetto per l’originale ed è una messa in scena più che dignitosa, senza inutili orpelli o eccessivi fronzoli. Eppure risulta un insieme spettacolare, che non solo non annoia lo spettatore, ma lo coinvolge emotivamente per tutte le due ore della sua durata.

Continua a leggere “Othello (1995)”

Molto rumore per nulla (1993)

Branagh ha un amore viscerale per Shakespeare e questo si riflette in ogni suo adattamento delle opere del bardo, ma soprattutto in questa versione allegra e dotata di una freschezza leggiadra e spensierata. Una storia dal tono scherzoso, caratterizzata da una serie di inganni, alcuni a fin di bene, altri più malevoli, che conferiscono all’insieme un tono tragicomico. Il film riprende di pari passo l’originale shakespeariano, rispettandone i tempi drammatici e il significato del testo.

Continua a leggere “Molto rumore per nulla (1993)”

L’altro delitto (1991)

Una delle prime regie di Branagh è un giallo insolito e ricco di mistero, un affascinante gioco di specchi tra passato e presente, con un incipit folgorante. Oltre che curarne la regia, prende per sé il ruolo di protagonista, insieme a Emma Thompson, allora sua compagna di vita: doppio ruolo per entrambi in una storia intrigante di amore e morte, con sfumature sovrannaturali molto ben dosate.

Continua a leggere “L’altro delitto (1991)”