Cose preziose (1993)

Questo post è dedicato con simpatia al blog Cose Preziose.

Adattamento cinematografico del romanzo omonimo di Stephen King, non ha sicuramente la classe di altre trasposizioni, pur potendo vantare un cast più che discreto. Quello che manca in questo film è l’atmosfera di mistero che spesso accompagna le storie tratte da King. Basta pensare a Il miglio verde, che di certo non è un horror, ma è pervaso da una suspense ambigua che accompagna quasi ogni sequenza, mantenendo un clima di tensione che si percepisce tangibilmente e che dà fascino a tutto l’insieme. In questo film, invece, il mistero è svelato quasi subito, per cui si intuisce quello che sta per accadere, anche se non si può capire come andrà a finire. Rimane quindi qualche sorpresa lungo il percorso della storia, ma non abbastanza perché il film risulti avvincente. Il pregio maggiore della pellicola, oltre al cast, è dato dalla storia stessa, che offre più di uno spunto di riflessione.

Continua a leggere “Cose preziose (1993)”

Shutter island (2010)

Un affascinante thriller psicologico, che ricalca le orme dei vecchi noir anni ’50, riprendendone l’atmosfera claustrofobica e misteriosa, e aggiungendo qualche elemento di destabilizzante modernità. Tratto dal romanzo L’isola della paura di Dennis Lehane, è una storia ricca di suspense costruita come un meccanismo a orologeria, in cui ogni dettaglio si incastra perfettamente con gli altri creando un insieme solo apparentemente disordinato, che alla fine trova la sua ragione d’essere.

Continua a leggere “Shutter island (2010)”

Molto forte, incredibilmente vicino (2011)

Tratto dal secondo romanzo di Jonathan Safran Foer, è un film intenso e struggente che parla di una perdita dolorosa e della lotta disperata per superarla. Oskar Schell è un bambino di 11 anni che deve venire a patti con la morte del padre, scomparso nell’attentato alle Torri gemelle. Diciamo subito che non siamo di fronte all’ennesimo film sull’11 settembre, qui la tragedia rimane sullo sfondo, anche se contribuisce non poco a rendere particolarmente toccanti alcune scene. Ma il tema centrale del film rimane il dolore della perdita, e se il padre di Oskar fosse morto in un incidente o per un infarto, non farebbe molta differenza per le dinamiche della vicenda.

Continua a leggere “Molto forte, incredibilmente vicino (2011)”