Tutte le manie di Bob (1991)

Dopo il successo di tre anni prima con Due figli di…, Frank Oz ci riprova con Tutte le manie di Bob, una divertente commedia basata su una coppia di protagonisti che si rompono le scatole a vicenda. Anzi, per essere esatti, è uno dei due che importuna con insistenza l’altro, rovinandogli le ferie con la famiglia. Il Bob del titolo è un paziente ipocondriaco con tutte le fobie possibili più una, che si trova improvvisamente senza il suo psichiatra e viene spedito come un pacco postale ad un collega, che non ha modo di rifiutarlo.

Continua a leggere “Tutte le manie di Bob (1991)”

Lost in translation (2003)

Una commedia romantica moderna, una bellissima storia d’amore, semplice ma profondo, di quello che si costruisce lentamente, con la conoscenza reciproca, non necessariamente carnale, ma proprio per questo più vera. Due persone diversissime per età ed esperienze di vita, che si incontrano e si completano a vicenda, scoprendo il piacere della reciproca compagnia.

Continua a leggere “Lost in translation (2003)”

St. Vincent (2014)

Bill Murray è un attore molto versatile, che personalmente adoro, perché ha sempre saputo interpretare personaggi diversissimi, lasciando in ognuno di loro un pezzettino della sua personalità esuberante e completandone i ritratti con un pizzico di malinconia, che non è mai tristezza. È passato dal cacciatore di fantasmi pasticcione al burbero meteorologo misantropo, per raggiungere la massima intensità nell’anima persa di Lost in Translation, che gli è valsa la nomination all’Oscar. In St. Vincent interpreta di nuovo un misantropo, solitario e scorbutico, ma con l’aggravante della vecchiaia, che lo rende ancora meno predisposto a sopportare il prossimo.

Continua a leggere “St. Vincent (2014)”

Ricomincio da capo (1993)

Forse pochi lo sanno ma questo film è il prototipo di tutta una serie di altre pellicole che hanno sfruttato il loop temporale, e non parlo tanto di film fantascientifici, in cui déjà vu e viaggi temporali sono di casa da sempre, ma di diverse commedie sentimentali, natalizie e adolescenziali, anche italiane, in cui l’idea centrale, più o meno intelligentemente sfruttata, è proprio la ripetizione all’infinito di una giornata particolare, che si ripresenta sempre uguale, o con impercettibili variazioni.

Continua a leggere “Ricomincio da capo (1993)”