Il villaggio dei dannati (1960)

Non è proprio il tipico film da vigilia di Natale, lo so, ma mi rifarò domani, domenica e la prossima settimana.
Considerato da qualcuno un horror, questa pellicola appartiene in realtà a quel genere di fantascienza inquietante e misteriosa cui ha dato inizio Don Siegel con il suo L’invasione degli ultracorpi, nel 1956. Si tratta di film a basso costo, girati in un bianco e nero affascinante e ipnotico, capace di suscitare una tensione altissima, praticamente senza uso di alcun effetto speciale. Il titolo in realtà sembra far riferimento a qualcosa di demoniaco, ma nel film si ipotizza invece un’invasione aliena. Va detto che in realtà non ha una gran importanza la vera natura del nemico, quanto la sua freddezza, frutto di un’incredibile superiorità, che sembra non lasciare scampo all’umanità.

Continua a leggere “Il villaggio dei dannati (1960)”

L’uomo che fuggì dal futuro (1971)

Chi identifica George Lucas con la saga di Guerre Stellari forse ignora, soprattutto se molto giovane, questo meraviglioso gioiellino che di Lucas segna gli esordi. Sempre fantascienza, ma di ben altro tipo, sicuramente molto meno remunerativa, ma di un livello decisamente superiore. L’amico zipgong, a cui questa recensione è dedicata, mi ha fatto notare che quest’anno è il cinquantennale dell’uscita del film, e non se n’è parlato da nessuna parte, men che meno ne è stata riproposta la visione. Così ho deciso di parlarne io, molto modestamente, anche se non è facile farlo, soprattutto in questo periodo.

Continua a leggere “L’uomo che fuggì dal futuro (1971)”

I guardiani del destino (2011)

Titolo italiano affascinante, se si pensa che il film è tratto da un racconto di Philip K. Dick che si intitola Squadra riparazioni, da cui il regista e sceneggiatore George Nolfi ha preso l’idea di base: nessuno ha il controllo sul corso della propria vita, ma il destino di ognuno è determinato da un non meglio specificato potere superiore, ed è predeterminato in anticipo. Una squadra di controllori tiene d’occhio la Terra per assicurarsi che nessuno stia sfidando il destino, rischiando di modificarlo. A questo tema, giĂ  di per sĂ© sostanzioso, Nolfi aggiunge una storia d’amore coinvolgente e una riflessione sociologica su politica e mass media.

Continua a leggere “I guardiani del destino (2011)”

The island (2005)

Michael Bay è una garanzia di successo al botteghino. E’ famoso infatti per grandi titoli commerciali, caratterizzati da un ampio uso di effetti speciali, soprattutto esplosioni e inseguimenti, ma proprio per questo i suoi film non sono molto considerati dalla critica, perché spesso poveri di contenuti e basati su una narrazione elementare.
Questo film è una piacevole eccezione, perché parte da uno spunto più che interessante e, con un colpo di scena sistemato al momento giusto, riesce a dare vitalità alla storia. Una trama affascinante di fantascienza intelligente, che è in realtà un remake non ufficiale di un film del 1979, Clonus, tratto da un racconto di Bob Sullivan.

Continua a leggere “The island (2005)”