Amore con interessi (1993)

Commedia brillante anni ’90, dal ritmo veloce e spensierato, piena di equivoci e dialoghi accurati e ben sincronizzati. In più c’è Michael J. Fox a condurre il gioco con la sua euforia spensierata e l’aria sbarazzina che preannuncia da sola il buonumore, e un lieto fine quasi assicurato. Anche se questa volta non sarà così scontato.

Doug è il concierge (leggi: portiere) del Bradbury, uno degli alberghi più esclusivi di New York, ed è l’uomo dei miracoli. Per lui non esiste l’impossibile. Gli basta alzare il telefono e si spalancano le porte dei ristoranti più esclusivi o si materializzano i biglietti per una première teatrale. Se avete un desiderio da esaudire, non temete: basta chiedere a lui, e naturalmente essere disposti a lasciargli una congrua mancia.

Ma anche lui ha un sogno nel cassetto: poter avere un giorno un hotel di lusso tutto suo, e per questo mette via tutti gli spiccioli che riesce a racimolare. Quando si lascia alle spalle l’atmosfera lussuosa e perfetta dell’hotel e i tanti capricci dei suoi clienti, che si affanna ad esaudire, rientra ogni sera nel suo piccolo e squallido monolocale. E nel suo sogno c’è anche la commessa della profumeria, di cui è innamorato da sempre.

Finalmente un giorno la sua sorte sembra poter cambiare: tra i clienti dell’hotel incontra un ricco uomo d’affari disposto ad anticipargli i soldi per realizzare il suo sogno, in cambio di un piacere. Tutto sembra procedere per il meglio, ma ben presto tra lui e il denaro tanto desiderato si frappone un nuovo sentimento, e Doug dovrà scegliere tra l’amore e i soldi. Non è difficile immaginare cosa sceglierà, ma il finale del film non è così prevedibile e riserva una piacevole sorpresa.

Scoppiettante commedia con un Michael J. Fox in gran forma (anche se già malato) e allora all’apice del successo. Attori in gran spolvero, sceneggiatura precisa come un orologio, nel complesso una commedia brillante e piacevole, senza troppe pretese. Il film può essere diviso in tre parti ben distinte. La commedia briosa iniziale, in cui il protagonista è mattatore unico e domina la scena mostrando allo spettatore la sua realtà quotidiana, la commedia romantica nella parte centrale, dopo la comparsa del personaggio femminile che arriva a scombussolare i ritmi della storia, e il finale che offre un lieto fine non del tutto scontato, ma sempre un po’ troppo hollywoodiano per essere realistico. Il regista Barry Sonnenfeld (quello di Men in black, per intenderci) fa un lavoro efficace nel filmare le brillanti imprese quotidiane del personaggio centrale, grazie al fascino magnetico di Fox, che inizialmente compensa la mancanza di slancio del film e la trama sottilissima. È solo quando il film avanza nella sua sezione centrale che l’interesse inizia a scemare. L’inizio è di gran lunga la parte migliore, ma la sceneggiatura fatta di dialoghi piacevoli e ben armonizzati, fa sì che l’insieme regga bene fino alla fine.

La storiellina è semplice ma solo apparentemente superficiale; in realtà la sceneggiatura, molto curata, regala dialoghi vivaci in cui le battute si susseguono a raffica, lasciando però aperti spazi di riflessione. Approfondita anche la psicologia dei personaggi, ma trattandosi di una commedia, spesso si tratta di parodie. Nel complesso un’ora e mezza di sano divertimento, anche per famiglie. Niente volgarità o cadute di gusto, anche quando la situazione equivoca si sarebbe facilmente prestata.

Praticamente l’ultima commedia in stile Michael J. Fox, per questo grande attore sfortunato, dinamica, divertente, intelligente e ben interpretata. Il messaggio è forse un po’ banale, ma consolatorio, come in certe favole: se ci si comporta bene, nonostante tutto, si verrà ricompensati in futuro, quindi non bisogna disperare.

La storia del portiere di un hotel chic di New York, che si fa letteralmente in quattro per i suoi esigenti clienti, saltellando senza sosta dalle cucine ai corridoi delle stanze, sembra cucita addosso a Michael J. Fox, che infatti tiene praticamente tutto il film sulle spalle. Azzeccati i personaggi secondari, caratterizzati da ottimi attori, forse più bravi della coprotagonista Gabrielle Anwar, molto bella ma poco espressiva.

Michael è sempre ottimo nel ruolo del giovane pieno di iniziativa e di energie, cosicché l’obiettivo è sempre puntato su di lui, e tutti gli altri personaggi appaiono più come comparse, o come macchiette capaci di strappare un sorriso. Nel complesso è una pellicola davvero gradevole che si può vedere ancora oggi, leggermente datata, ma divertente. Certo non è Ritorno al futuro

20 pensieri riguardo “Amore con interessi (1993)

  1. In effetti questo genere di commedia era tagliato su misura per il mitico Fox, tanto che all’epoca questi film si davano per scontati: eravamo tutti convinti che Michael ne avrebbe sfornati altri cento, invece era già alla fine della sua corsa artistica, anche se avrà una seconda vita in TV.
    Mentirei se dicessi che questo film mi ha entusiasmato, però era simpatico, con il ritmo giusto e gli attori giusti, inoltre con un colpo di scena che ricordo ancora di aver apprezzato molto. Quindi… ad avercene di commedie così 😉

    Piace a 1 persona

  2. Non proprio il mio genere di film, ma ho sempre reputato Fox un ottimo attore e ogni volta che mi capita sotto gli occhi una pellicola con lui come interprete non posso fare a meno di pensare che se quella maledetta malattia che lo ha colpito ha stroncato quella che, a mio parere, sarebbe stata una brillantissima carriera.

    Piace a 1 persona

    1. Forse, a lungo andare avrebbe finito per ripetersi, chissà. Certamente in quegli anni era il viso giusto per quei film, ma, obiettivamente, non avrebbe potuto continuare a fare l’eterno ragazzo. Un po’ come è successo a Broderick.
      Comunque Fox è stato davvero sfortunato.

      Piace a 2 people

  3. Molto piacevole e scorrevole, Michael J. Fox è uno degli attori che apprezzo di più, ho visto davvero molti film con lui, anche la serie con gli avvocati in cui era già malato, ma sempre bravo. Anche questo fil l’ho visto diverse volte ma si guarda sempre volentieri, buon pomeriggio 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...